LA PASKEDINA 2021 #9

by Simone Paschetto
1.421 views
Reading Time: 4 minutes

Qui o si fa la Paskedina o si muore!!



E’ arrivato il momento più temuto dal me pronosticatore, quello della fase ad orologio. Non tanto per la fase ad orologio in sé, ma perché questa giornata in particolare mette in calendario tre partite insidiosissime. 

Le tre in questione durante la prima fase del campionato sono finite 24-20, 35-34 e 63-62, meno di sette punti di scarto in 3 partite, ben due, Seamen-Panthers e Dolphins-Guelfi hanno sovvertito il pronostico e se fare zero su tre è più complicato che fare tre su tre, rimane il fatto che valutare tutte le variabili a questo punto del campionato potrebbe non bastare. Più volte infatti, in questa stagione, è entrato in campo un fattore assolutamente immateriale e imprevedibile, la disabitudine.

Piaccia o meno, ci si creda o no, l’anno di stop ha avuto conseguenze sulla preparazione, sulle gerarchie del campo, sulla qualità dei protagonisti ed è diventato un elemento destabilizzante notevole.

Attenzione, si legga bene e si comprenda meglio. Non è che che la Pandemia incida direttamente, ma determina un contesto che livella naturalmente alcune differenze, non tutte e non sempre, è però un buon catalizzatore di processi e tendenze già in atto, ma che prima erano più controllabili e meno evidenti.



Messe doverosamente le mani avanti, possiamo passare all’esercizio di stile.


Trionfo dell’ultima Paskedina, che vola con un 100% di pronostici corretti figlio della vittoria dei Guelfi contro i Warriors.
Riponete il “e grazie al c….”, alle olimpiadi di Sant Louis del 1904 il Canada, rappresentato dalla squadra del Galt FC, vinse l’oro nel calcio. L’argento andò agli USA e così anche il bronzo, erano le uniche tre squadre partecipanti, ma rimane un oro olimpico e negli annali vale come tutti gli altri.


Partita del Guelfi Center che è stata noiosa e prevedibile e infatti avendolo previsto, non l’ho guardata.

Entrambe le squadre hanno dei fantasmi da affrontare, quelli dei Warriors sono antichi e richiedono del tempo per essere vinti, quelli dei Guelfi sono freschi come il pesce a Masterchef e possono essere vendicati subito. Se al momento è inutile dannarsi per i primi, per i secondi basta aspettare Sabato.

Pronostici:

PANTHER-SEAMEN

Giornata che inizia come meglio e peggio non poteva, con l’ennesima partita dell’anno, complessa da pronosticare sotto diversi punti di vista. Si può parlare di football in tanti modi, provo a farlo da un punto di vista di calcolo delle probabilità. 

Negli ultimi 8 campionati, da quando i Seamen arrivano in finale e sono competitivi con i Panthers, le due squadre si sono incontrate 15 volte e Parma ne ha vinte 9, che sono la metà di tutte le partite perse dai Seamen durante questo periodo in Italia. Ma di queste nove vittorie dei Panthers solo una è stata decisiva, quella dell’Italian Bowl del 2013, da allora due finali e una semifinale perse. Nelle partite veramente importanti i Seamen non sbagliano, ma questa non è una partita importante.

Provo a metterla da un punto di vista di opportunità, se è vero che perdere di nuovo suonerebbe come un campanello d’allarme formato Duomo di Milano, ai Seamen cambierebbe molto poco, sempre semifinale in casa contro un avversario ampiamente alla portata.

Tecnicamente e tatticamente parlando, Parma ha un ottimo attacco, concreto e divertente e la difesa dei Seamen non è sembrata irresistibile. Molto meglio l’attacco blue navy e qualche incertezza in più per la difesa bianconera. 

Come la mettiamo la mettiamo, non se ne esce, non ci sono segnali per far inclinare il piano.

Se penso all’andata, pronosticavo Seamen, ma era un pronostico al buio e visto il risultato converrebbe dire Panthers, ma l’effetto sorpresa della prima partita dopo due anni è svanito.

Forse conviene che vincano i Seamen, che arrivano belli carichi, mentre per i Panthers una sbandata potrebbe essere utile a serrare le fila.

E’ come tirare una moneta.

E’ uscita la testa di Mutti.


DOLPHINS-GUELFI

Di nuovo?

Roba da non crederci, doppia dose di Guelfi-Dolphins in tre settimane. 

Le due squadre più impronosticabili della stagione, una inaffidabile come un utensile cinese, l’altra capace di grandi cose in campo, mentre fuori più che un intelligente, simpatico e maestoso mammifero di mare ricorda un uccello della Patagonia, “una cagata ad ogni passo” (Cit. Jorge Valdano su David Beckham).

Io, un altro lunedì di gloria cetacea, non lo reggo.

Solo per questo, per poter salire olimpicamente sul carro del vincitore, dovrei pronosticare Dolphins, se ci aggiungo la legge dell’alternanza taoistica dei Guelfi, il pronostico è a senso unico.

Fortissimo Quattrone, esaltati i giovani delfini, svedese nuovo a disposizione, serve l’impresa per andare ai playoff e sembra più alla portata l’allegra giostra viola, piuttosto che dover rimandare tutto alla sfida contro i Seamen. Fare lo stesso errore due volte diventerebbe seccante, quindi è semplice pronosticare Dolphins, visto che tutto va in quella direzione.

Eppure a me rimane la sensazione che le cose seguiranno un loro corso molto ben definito. Ci sono partite particolari, che non si ripetono, e tre settimane fa è successo. Se dovesse ricapitare, sarebbe un bel problema per i Guelfi, per un roster pensato per vincere il campionato e per un coach NFL.

Anche qua bisogna tirare una moneta.

E’ uscito il Giglio.

DUCKS-RHINOS

Il fine settimana sarà veramente intenso e non poteva mancare un bel Roma-Milano.

Andata che segnò la fine dell’illusione Rhinos ridando fiducia e coraggio ai Ducks. Sembra passata una vita.

I milanesi sono fermi da un mese, il loro campionato però non è finito, una vittoria a Roma e una sui Panthers, unite a una serie di risultati positivi tra cui lo scioglimento del sangue di Sant’Ambrogio e un’eclisse totale li potrebbe portare ai playoff.

Scherzi a parte, un mese fermi può far perdere intensità e concentrazione a una squadra già incompleta di suo, però ci sono Rescigno e Sharsh.

Anche i Ducks sono fermi da tre settimane e non vincono da più di un mese, ma in compenso resta il dubbio sulla presenza di Hazel. Buona la prestazione contro i Seamen, ma non basta, devono dimostrare di meritare i playoff.

Io credo siano in grado di farlo, la partita sarà combattuta e credo divertente, i Ducks rischieranno moltissimo, ma credo possano portarla a casa.




Penso siano i pronostici più difficili che abbia mai dovuto scrivere, campionato combattuto, ma anche tutte le difficoltà di questa stagione, ma secondo me siamo solo all’inizio, cambieranno ancora tante cose, speriamo che sia divertente.

Related Posts