Wolverines e Huskies fino in fondo

by Danilo Fontana
313 views
Reading Time: 7 minutes

L’inizio del nuovo coincide con il finale di stagione di NCAA con le partite più appassionanti e l’attesa per le finali della FBS e della FCS.
L’inizio è doverosamente dedicato al Rose Bowl ed al Sugar Bowl, per questa stagione semifinali della FBS.
Il Rose Bowl tra Michigan Wolverines e Alabama Crimson Tide è stato una esibizione di aggressività difensiva che, alla fine, ha visto spuntarla la squadra di Jim Harbaugh, finalmente al Championship dopo due semifinali perse consecutivamente. I Wolverines hanno dominato il primo tempo conquistando quasi il doppio delle yards dei Crimson Tide senza riuscire ad allungare nel punteggio, chiudendo in vantaggio di soli 3 punti. Nel secondo tempo la squadra di Saban ha trovato le contromisure alla difesa dei Wolverines (6 sacks e 10 TFL) e, dopo un terzo quarto senza acuti, è riuscita a segnare un TD (McClellan) ed un FG, sfruttando al meglio gli errori dello special team avversario. Nel momento di maggiore difficoltà, con Alabama avanti 20-13, il QB J.J. McCharty (221 yards e 3 TD), fin lì autore di una prestazione mediocre, ed il RB Blake Corum (83 yards e 1 TD) hanno trascinato la squadra, e, dopo aver chiuso un clamoroso un 4&2, è arrivato il TD del WR Roman Wilson per il pareggio. Nell’overtime i Wolverines hanno subito trovato il vantaggio con il TD di Corum prima di chiudere definitivamente la porta al QB Jalen Milroe (116 pass yards e 63 run yards) e compagni sulle 3 yards-line e portare a casa la vittoria per 27-20.

Blake Corum, il RB è stato decisivo nell’ultimo quarto per i Wolverines

Bella ed emozionante è stata la sfida tra Washington Huskies e Texas Longhorns, con gli uomini di DeBoer che si sono imposti per 37-31 raggiungendo la finalissima della FBS per la prima volta da quando è stata istituita. Il primo tempo è stato uno spettacolo offensivo con i Longhorns sempre ad inseguire gli Huskies fino al 21 pari che ha chiuso il parziale. Nel secondo tempo la difesa di Washington ha bloccato l’offense di Texas per oltre 20 minuti, chiudendo gli spazi in secondaria e forzando due fumble, e Michael Penix (430 yards e 2 TD) è riuscito a sfruttare al meglio i suoi temibili WR (Odunze, Polk e McMillan) trascinando la squadra sul 34-21. Nell’ultimo quarto, però, i Longhorns sono riusciti a trovare una reazione con il TD di Adonai Mitchell e con una difesa che, dopo i FG realizzati da Gross e Auburn, ha concesso una ulteriore possibilità a Quinn Ewers (318 yards e 1 TD) e compagni con 45 secondi da giocare e solo 6 punti da recuperare. Due fantastici lanci di Ewers hanno portato i Longhorns a giocarsi ben quattro tentativi in Red-Zone, tutti infranti contro la spettacolare secondaria degli Huskies. Il 37-31 finale manda in delirio gli Huskies e lascia ai Longhorns tanti rimpianti.

Ja’Lynn Polk e gli altri WR degli Huskies hanno supportato il QB Penix nel sorpasso decisivo

L’ultima settimana, però, non è stata solo semifinali della FCS ma anche tanti Bowl Games spettacolari.
Vittoria netta 63-3 per i Georgia Bulldogs contro i Florida State Seminoles nell’Orange Bowl, in una partita mai in discussione in cui la difesa dei Bulldogs ha annientato l’offense dei Seminole sforzando ben quattro turnovers. Solida prestazione del QB Carson Beck (203 yards e 2 TD) e del RB Kendall Milton (104 yards e 2 TD), probabili pilastri del nuovo corso della squadra di Kirby Smart.

Il RB Kendall Milton ha segnato 2 TD nell’Orange Bowl

Domina anche l’altra grande delusa della stagione, gli Oregon Ducks che hanno demolito i Liberty Flames 45-6 nel Fiesta Bowl. Grande prestazione per Bo Nix che ha salutato i suoi tifosi con 363 yards e 5 TD coadiuvato da un eccellente WR Tez Johnson (172 yards e 1 TD).

Ennesimo TD per al Tez Johnson al Fiesta Bowl

Gli LSU Tigers si sono aggiudicati con grande fatica il ReliaQuest Bowl battendo nel finale i Wisconsin Badgers. Partita difficile per i Tigers che hanno dovuto inseguire sin dall’inizio gli avversari ben guidati dal QB Tanner Mordecai (378 yards e 3 TD), autore di una prestazione che alimenta i rimpianti della squadra al quale è mancato per tante settimane per infortunio. I Tigers, però, hanno giocato con grande intensità fino alla fine e sono riusciti ad imporsi nel finale con il TD di Brian Thomas per un 35-31 che porta la firma del nuovo QB Garrett Nussmeier (395 yards e 3 TD).

Il QB di LSU Garrett Nussmeier autore di 3 TD


Vittoria convincente 38-25 anche per gli Ole Miss Rebels contro Penn State Nittany Lions nel Peach Bowl. Dopo un primo tempo molto equilibrato, i Rebels hanno dominato la seconda parte di gara grazie ad un attacco incontenibile ed una difesa finalmente solida e compatta. Protagonisti della vittoria il QB Jaxon Dart (379 yards e 4 TD), il RB Quinshon Judkins (106 yards e 1 TD) ed il TE Caden Prieskorn (136 yards e 2 TD) mentre poco lucida è stata la prestazione del QB Drew Allar dei Nittany Lions.

Il TE Caden Prieskorn ha messo a segno 2 TD al Peach Bowl

Nuovi QB e vittorie dominanti per Tennessee Volunteers (35-0 nel Citrus Bowl contro gli Iowa Hawkeyes) e Notre Dame Fighting Irish (40-8 contro gli Oregon State Beavers del Sun Bowl). Per i Volunteers c’era molta curiosità per l’esordio di Nico Iamaleava ed il giovane QB si è preso la scena con 4 TD (tre su corsa), mostrando ancora qualche difetto di lettura ma tanto potenziale inespresso. Molto convincente la prestazione del QB Steve Angeli dei Fighting Irish, che ha chiuso la sua partita con 232 yards e 3 TD mettendo sin da ora qualche dubbio nella testa di Freeman sulla scelta del futuro starter.

Il nuovissimo QB di Tennessee Nico Iamaleava


Vittoria in rimonta 38-24 degli Arizona Wildcats contro gli Oklahoma Sooners nell’Alamo Bowl. I Wildcats, dopo un inizio positivo, avevano subito la rimonta dei Sooners ed a fine terzo quarto erano in svantaggio per 24-13. Nei secondi finali del terzo quarto, però, è arrivata la giocata che ha cambiato la partita, il fumble ritornato in TD per 87 yards di Gunner Maldonado, che ha dato il via alla rimonta dei Wildcats andati a segno successivamente con un FG ed altri due TD.

Gunner Maldonado ha riportato in TD un fumble che ha riaperto la partita

Tra gli altri risultati spiccano le vittorie di Missouri Tigers (14-3 contro gli Ohio State Buckeyes nel Cotton Bowl Classic), Clemson Tigers (38-35 contro i Kentucky Wildcats nel Gator Bowl), Maryland Terrapins (31-13 contro gli Auburn Tigers nel Music City Bowl) e Memphis Tigers (36-26 contro gli Iowa State Cyclones nel Liberty Bowl).

La fine dei Bowl Games segna la fine della stagione, al cui epilogo mancano ormai solamente le due finalissime.
Domenica ci sarà la finale della FCS con la sfida tra Montana Grizzlies e South Dakota State Jackrabbitts, rispettivamente n. 2 e 1 del ranking. Sarà il nono confronto tra i due College e i precedenti otto sono stati tutti vinti dai Montana Grizzlies, l’ultimo nel 2015 per 24-17. I Jackrabbitts, campioni in carica e favoritissimi, sono alla ricerca del bis ed arrivano alla finale da imbattuti, con la migliore difesa della FCS ed uno dei migliori attacchi. I Grizzlies, invece, tornano in finale dopo quattordici anni e dopo due turni di playoff in cui hanno avuto bisogno dell’overtime per vincere, ma con la consapevolezza di avere uno dei migliori Front-Seven della division. Partita che, probabilmente, sarà decisa dal confronto tra il Front-Seven dei Grizzlies guidato dal LB Braxton Hill e l’OL dei Jackrabbitts che dovrà cercare di aprire gli spazi al RB Isaiah Davis, ma Montana dovrà anche cercare di infrangere la temibilissima secondaria di South Dakota State, la migliore della FCS.

Il LB Braxton Hill guida il fortissimo front seven dei Montana Grizzlies


Martedì, invece, ci sarà il CFP National Championship tra Michigan Wolverines e Washington Huskies, anche loro rispettivamente n. 1 e 2 del ranking ed entrambe imbattute. Si tratta del quattordicesimo confronto tra i due college, con Michigan che si è imposta per otto volte contro le cinque di Washington. Le due formazioni arrivano al Championship dopo aver dominato la stagione ma aver sofferto tanto nelle due semifinali.
I Wolverines di Harbaugh potranno contare su una difesa solida e, in particolare, un Front-Seven aggressivo che riesce a portare una pressione costante al QB e annullare il running game. In attacco l’arma prediletta è il RB Blake Corum mentre il passing game è molto meno incisivo. Gli Huskies, invece, hanno esibito uno dei migliori attacchi del panorama NCAA guidati dal QB Michael Penix e da una batteria di WR fantastica con Rome Oduenza, Ja’Lynn Polk e Jalen McMillan. La difesa durante la stagione ha mostrato qualche lacuna ma è composta da grandi talenti come il CB Jabbar Muhammad ed il DE Zion Tupuola-Fetui.

Il Coach DeBoer cercherà di guidare i suoi Huskies alla vittoria finale

E’ probabile che sarà lo scontro tra l’offense degli Huskies e la difesa dei Wolverines a decidere la partita.
Il momento delle finali è arrivato, buona visione con la NCAA.

Related Posts