La UFL, tutto sulla United Football League la nuova lega di primavera

by Battista Battino
280 views
Reading Time: 13 minutes

La United Football League (UFL) è la nuova lega professionistica di football primaverile che inizia la sua stagione inaugurale alla fine di marzo 2024.
Ma che cos’è l’UFL? La fusione di XFL e USFL, le ultime due, in ordine di tempo, leghe professionistiche di primavera di football americano. Il football “fuori stagione” è stato per lungo tempo un mercato non sfruttato per gli appassionati di football statunitensi. Nella storia ci sono stati diversi tentativi di giocare in questo periodo dell’anno, il tentativo più importante negli anni ’80, quando la USFL, con grandi nomi come Herschel Walker, Jim Kelly, Doug Flutie e altri, funzionò alla grande per qualche anno.

La USFL è tornata e ha giocato nel 2022 e nel 2023, quasi contemporaneamente a una lega rivale, la XFL, nata sotto la direzione della World Wrestling Entertainment (WWE). La X Football League è stata concepita e guidata dal capo della WWE Vince McMahon e ha giocato la sua prima stagione nel 2001, ma è stata chiusa subito.
L’idea è stata ripresa sempre da McMahon nel 2018 per esordire nel 2020. La stagione era stata pianificata con una stagione regolare di 10 partite seguita dai playoff, ma dopo cinque settimane, a causa della pandemia di COVID-19, il campionato si è interrotto e la lega ha presentato istanza di fallimento nell’aprile 2020.
A questo punto è intervenuto Dwayne “The Rock” Johnson, attore, ex wrestler ed ex giocatore di football, che ha guidato un consorzio di finanziatori per acquistare i diritti della XFL ad un prezzo di 15 milioni di dollari. La lega ha così ricominciato a giocare nel febbraio 2023 completando la stagione con il XFL Championship Game tra gli Arlington Renegades e i DC Defenders.
Alla fine di settembre del 2023, ha annunciato l’intenzione di fondersi con la USFL.

Il Championship Game XFL 2023 tra gli Arlington Renegades e i DC Defenders

L’originale USFL

La prima versione dell’United States Football League, aveva il potenziale per rivaleggiare addirittura con la NFL, ma un’errata decisione la portò alla chiusura.
La USFL giocò per tre stagioni durante la primavera e l’estate tra il 1983 e il 1985. La lega di primavera raggiunse ottimi livelli di gioco e di investimenti economici “convincendo” ben tre vincitori di fila dell’Heisman Trophy: Herschel Walker (1982) di Georgia, Mike Rozier (1983) di Nebraska e Doug Flutie (1984) del Boston College, a firmare con la USFL piuttosto che unirsi alla NFL.

Herschel Walker con la maglia dei New Jersey Generals nel 1983

Ma nel 1985 un gruppo di proprietari, guidati dall’allora presidente dei New Jersey Generals Donald Trump, presero a maggioranza la decisione di giocare la stagione 1986 in autunno – in competizione diretta con la NFL – con la speranza di forzare una fusione con la NFL stessa. Da quella decisione partì una storica causa legale presso l’antitrust statunitense per combattere la posizione dominante della National Football League. L’USFL vinse, tecnicamente, la causa ma le fu assegnato un risarcimento di solo $ 1. Così non ci fu nessuna fusione né un’altra stagione USFL.

Una nuova reincarnazione della USFL, di proprietà di Fox Sports, è partita nel 2022 con otto franchigie che hanno tenuto i nomi di alcune storiche squadre anni ’80. La scorsa stagione si è conclusa con il “USFL Championship Game” tra i Birmingham Stallions contro i Pittsburgh Maulers.

Lo USFL Championship Game tra i Birmingham Stallions contro i Pittsburgh Maulers.

La leadership dell’UFL

L’attuale fusione delle organizzazioni XFL e USFL ha portato alla nomina di Russ Brandon come presidente e CEO dell’UFL. Brandon era l’ex presidente e amministratore delegato della XFL. Mentre l’ex running back della NFL Daryl Johnston, ex  dirigente capo della USFL, avrà lo stesso ruolo anche nella UFL.

La proprietà dell’UFL è condivisa tra cinque partner. I primi tre, Dwayne “The Rock” Johnson, Dany Garcia e Gerry Cardinale di RedBird Capital Partners, erano gli originari proprietari della XFL. Gli altri due sono canali televisivi: Fox Sports, che già possedeva la USFL, e ESPN.

Dwayne “The Rock” Johnson e Gerry Cardinale

I dirigenti della nuova lega si sono affrettati a rimarcare che la United Football League e la National Football League sono molto diverse, e che l’UFL non sta tentando di imitare la NFL. Il campionato, che inizierà sei settimane dopo il Super Bowl e terminerà a metà giugno, non cercherà minimamente di offuscare la copertura mediatica della NFL nel panorama del football professionistico statunitense. Anzi, i capi della UFL si vogliono proporre come un campionato di “lancio” o meglio di “rilancio” per giocatori trascurati al draft NFL e portare alla luce, come è già successo nelle ultime stagioni, dei talenti sfuggiti agli osservatori della lega maggiore.

Anche nelle regole di gioco ci sono alcune differenze. Nei kickoff, ad esempio, o nella trasformazione, nella UFL si avranno tre opzioni di gioco dopo un touchdown:

  • dalla linea delle 2 yard per 1 punto,
  • dalla linea delle 5 yard per 2 punti,
  • dalla linea delle 10 yard per 3 punti.

Un’altra differenza è che nella UFL si consentono DUE passaggi in avanti durante un solo gioco, se il primo lancio non ha superato la linea di scrimmage.

Squadre e Programma della UFL 2024

La stagione UFL inizierà sabato 30 marzo, con un match tra i campioni della USFL e XFL della scorsa stagione.

I Birmingham Stallions visiteranno gli Arlington Renegades in una partita trasmessa in diretta da Fox.
Altre partite della prima giornata includono: St. Louis Battlehawks vs Michigan Panthers, i D.C. Defenders contro i San Antonio Brahmas, e i Memphis Showboats che visitano gli Houston Roughnecks al Rice Stadium di Houston.

La partita inaugurale della UFL

Il campionato si svilupperà in 43 partite (40 partite di stagione regolare, due finali di Conference e un Championship finale).
La Lega è divisa in due conferenze: USFL (Birmingham, Houston, Memphis, Michigan) e XFL (Arlington, DC, San Antonio, St. Luis). Ogni squadra giocherà sei partite all’interno della propria conference e quattro partite di interdivisionali. Alle finali di conference approderanno le due migliori squadre della stessa conference.

Russ Brandon ha dichiarato: “Saremo una lega molto più talentuosa con molta più profondità nelle posizioni chiave”, mentre Daryl Johnston ha aggiunto: “Penso che le nostre squadre saranno più forti. Stiamo prendendo otto squadre [quelle della USFL] e otto squadre [della XFL] e le stiamo combinando in sole otto franchigie. Prendendo solo il meglio dei giocatori e il meglio degli allenatori nella nuova famiglia UFL”.

La lega è composta da quattro ex squadre XFL e quattro ex squadre della USFL. L’unica città con una squadra in entrambe le vecchie leghe è stata Houston, e quindi si è deciso di fondere i due teams, dove l’UFL ha deciso di rinominare la franchigia della USFL (Gamblers) con il nome della squadra XFL Roughnecks.

Le squadre

Conference USFL
• Birmingham Stallions
• Houston Roughnecks
• Memphis Showboats
• Michigan Panthers

Conference XFL
• Arlington Renegades
• D.C. Defenders
• San Antonio Brahmas
• St. Louis Battlehawks

Birmingham Stallions

Stadio: Protective Stadium

Il coach Skip Holtz, figlio di Lou Holtz, allenatore nella College Football Hall of Fame, ha dominato il football primaverile della USFL, portando gli Stallions a un record di 21-3 (compresi i playoff) e due titoli consecutivi della USFL, quest’ultimo battendo i Pittsburgh Maulers 28-12. Prima di approdare a Birmingham, Holtz ha vinto 152 partite in 22 stagioni come coach.

Il gruppo dei quarterback è molto equilibrato ed è composto da Matt Corral, scelto al terzo giro dai Carolina Panthers nel draft 2022, Adrian Martinez, che ha giocato come starter per cinque stagioni nelle università di Nebraska e Kansas State, e J’Mar Smith, il quarterback titolare dei Stallions vincitori del primo campionato USFL nel 2022.

Matt Corral, il probabile titolare degli Stallions

Altri giocatori da tenere sotto controllo sono il linebacker Travin Howard, vincitore del Super Bowl con i Los Angeles Rams, il ricevitore Gary Jennings, quarta scelta dei Seattle Seahawks nel 2019, e l’altro WR Amari Rodgers, terza scelta dei Green Bay Packers nel 2021. Sempre in attacco, il RB Larry Rountree III, ex Los Angeles Chargers.

Travin Howard il LB ex Rams

Un team solido che ha vinto e convinto in queste due stagioni di USFL, sicuramente il favorito per la vittoria di Conference.

Houston Roughnecks

Stadio: Rice Stadium

Curtis Johnson è al suo secondo anno come coach USFL, avendo guidato gli Houston Gamblers ad un record di 5-5 nella scorsa stagione. Prima di questo, è stato HC di Tulane Green Wave University per quattro stagioni e assistente per molto tempo sia a livello di college che di NFL, in particolare 11 stagioni con i New Orleans Saints di coach Sean Payton.

Reid Sinnett è l’unico quarterback ad avere esperienza da professionista, avendo guidato i San Antonio Brahmas la scorsa stagione, ed è stato in squadra con i Miami Dolphins e i Cincinnati Bengals. Il suo backup, Jarrett Guarantano, è stato in squadra con i Denver Broncos nel 2022.

Reid Sinnett alla guida dei San Antonio Brahmas la scorsa stagione

La difesa si basa principalmente sul LB Reuben Foster, scelto nel primo turno dai San Francisco 49ers nel 2017, e sull’End Ethan Westbrooks, ex West Texas A & M, per poi giocare cinque stagioni con i Rams. In attacco, nomi non altisonanti nel reparto dei runner e dei ricevitori,  il miglior prospetto è il TE Ryan Izzo, proveniente da Florida State, che ha giocato per tre stagioni con i New England Patriots.

Il DL Ethan Westbrooks ai tempi della sua esperienza ai Rams

L’unione delle due squadre di Houston (Gamblers e Roughnecks) non ha prodotto un team molto superiore alle formazioni di origine, non crediamo sia una candidata ai playoff.

Memphis Showboats

Stadio: Simmons Bank Liberty Stadium

John DeFilippo è nella sua seconda stagione come Head Coach nella lega primaverile. Lo scorso anno ha guidato i New Orleans Breakers della USFL ad un record di 7-3 e alla finale di Conference contro gli Stallions, futuri campioni USFL. In precedenza, ha lavorato per più di vent’anni come allenatore dei quarterback o coordinatore offensivo sia a livello universitario che in NFL.

Il posto da quarterback titolare è ancora in bilico tra: Case Cookus, alla sua terza stagione in USFL dopo due stagioni ai Philadelphia Stars, dove ha lanciato per 3.629 yard e 27 passaggi da touchdown; e Cole Kelley, titolare degli Showboats della scorsa stagione, dove  ha lanciato per 1.534 yard e sette TD pass. Come terzo abbiamo Troy Williams che lo scorso campionato ha totalizzato 1.414 yard e sei passaggi da touchdown con i Pittsburgh Maulers della USFL.

Case Cookus agli Stars

In difesa, una coppia con un passato che sembrava ricco di promesse, non del tutto mantenute: il DT Daylon Mack, che quando giocava per Texas A&M nel 2015 era valutato come il 6° miglior giocatore di college dalla classifica dei prospetti universitari di ESPN, e Dylan Moses, che ai tempi di Alabama, nel 2017, era il numero 5 di quella stessa classifica.
Una curiosità, in attacco gioca il ricevitore Vinny Papale, figlio dell’ex Philadelphia Eagles Vince Papale, la cui storia ha ispirato il film del 2006 “Invincible”.

Il “figlio d’arte” Vinny Papale in maglia Showboats

Probabilmente, se risolveranno il dubbio sul quarterback titolare, la squadra favorita, insieme agli Stallions, alla finale di Conference.

Michigan Panthers

Stadio: Ford Field

Mike Nolan ha quaranta anni di esperienza come coach di football. L’ultimo dei quali proprio con i Panthers lo scorso anno, li ha portati ad un record di 4-6. Coach Nolan è stato per tre stagioni capo allenatore dei San Francisco 49ers e coordinatore difensivo di otto squadre di NFL.

Il quarterback titolare è un giocatore di sicura esperienza come Danny Etling, settima scelta dei New England Patriots nel 2018 da LSU, per poi peregrinare in numerosi practice roster di squadre della NFL. Come backup abbiamo Brian Lewerke, da Michigan State, è stato a roster con i New York Giants nel 2021 per poi approdare nella XFL nei Seattle Sea Dragons.

Danny Etling in maglia Patrios che lo aveva scelto al draft

In squadra ci sono alcuni giocatori interessanti come i fratelli Nacua, Kai, safety, e Samson, ricevitore, entrambi provenienti da BYU e fratelli del ricevitore Puka Nacua dei Los Angeles Rams. Altro prospetto interessante è Breeland Speaks, DE con Ole Miss all’università, scelto al secondo giro dai Kansas City Chiefs nel 2018.

I fratelli Nacua alla BYU

I Panthers erano partiti con tante ambizioni nella prima stagione USFL, per poi spegnersi gradualmente durante la stagione d’esordio e in quella successiva. Probabilmente ci sarà ancora da lavorare per allestire un roster adatto a competere per la vittoria finale.

Arlington Renegades

Stadio: Choctaw Stadium

I Renegades entrano nella UFL freschi della vittoria nell’ultimo campionato XFL (35-26 contro i DC Defenders). Sono guidati ancora una volta da coach Bob Stoops, che ha vinto 191 partite e un Campionato Nazionale BCS nel 2000 in 18 stagioni all’Università dell’Oklahoma.

Nella posizione di quarterback i Renegades hanno, come titolare, Luis Perez, una vera icona del “football di primavera”, il QB che ha portato Arlington al titolo XFL dello scorso anno con una prestzione durante la finale di  288 yard lanciate, 3 TD pass e il titolo di MVP. Ha anche giocato nell’Alliance of American Football e in diverse squadre di XFL e della USFL. Come backups ha due atleti molto interessanti come Holton Ahlers che a East Carolina ha avuto una carriera con 13.933 yard lanciate e 97 touchdown pass, mentre Lindsey Scott è un QB dual-threat capace, nella sua carriera universitaria, di 11.834 yard passate con 127 touchdown da sommare a 2.988 yard corse e 32 TD.

Luis Perez, esperto di football di primavera, ai tempi degli Iron della AAF

In difesa, gli occhi sono puntati sul trio di linebackers: Donald Payne, con un passato in NFL con Ravens e Jaguars, autore di 61 tackle lo scorso anno, Marquel Lee, da Wake Forest, che ha giocato per quattro stagioni con i Raiders, e Vic Beasley, ex All-Pro della prima squadra con gli Atlanta Falcons.

L’esperto LB Donald Payne in maglia Jaguars

Sicuramente la squadra da battere, coperta in ogni reparto e pronta a contendere la vittoria di questa prima stagione della UFL.

D.C. Defenders

Stadio: Audi Field

I Defenders sono reduci dalla finale XFL dello scorso anno e ritrovano il coach Reggie Barlow che li ha guidati la scorsa stagione. Prima della squadra della capitale, Barlow ha ottenuto un record di 83 vittorie e 58 sconfitte come allenatore di Alabama State e Virginia State in NCAA. Ha anche giocato otto stagioni NFL con i Jacksonville Jaguars, gli Oakland Raiders e i Tampa Bay Buccaneers.

In cabina di regia abbiamo anche in questa stagione Jordan Ta’amu, vincitore del premio come “XFL Offensive Player of the Year”, mettendo a segno 1.894 yard lanciate con 14 TD pass. Il QB, proveniente da Ole Miss, ha giocato per diverse squadre di XFL, USFL e NFL. Come riserva si contendono il posto Deondre Francois, ex Orlando Guardians della XFL, e Jalan McClendon, lo scorso anno ai Vegas Vipers sempre XFL.

Il QB Jordan Ta’amu XFL Offensive Player of the Year del 2023

Ottima la secondaria difensiva con i due DB titolari Gareon Conley, da Ohio State, scelto al primo turno dai Raiders nel 2017, e D.J. Swearinger, veterano di ben otto anni di NFL.
Il principale bersaglio del QB Ta’amu sarà Preston Williams da Colorado State, quattro anni in NFL, principalmente con Miami Dolphins.

Il DB D.J. Swearinger reduce da diverse stagioni in NFL

I Defenders non si nascondono e puntano ad arrivare alla finale di conference per provare ad arrivare alla finalissima della UFL.

San Antonio Brahmas

Stadio: Alamodome

Nuovo allenatore per San Antonio, Wade Phillips, dopo aver condotto i Roughnecks alla vittoria della Western Division della XFL la scorsa stagione. Il coach 76enne è stato nel giro della NFL per quasi 50 anni, sia come defensive coordinator che capo allenatore, raggiungendo un record di 90-73.

Alla regia abbiamo come headliner Tom Flacco, il fratello minore del famoso Joe Flacco della NFL, dopo una carriera universitaria altalenante ha giocato in CFL per poi approdare ai Roughnecks. Il suo sostituto è Quinten Dormady, titolare negli Orlando Guardians nella XFL della scorsa stagione, dove aveva lanciato per 1.507 yard e 10 passaggi da touchdown.

Tom Flacco ai tempi della Towson Tigers University

In difesa il miglior giocatore è il DB Teez Tabor, proveniente dall’Università della Florida, scelto al secondo giro dei Detroit Lions nel 2017, mentre in attacco brilla Kade Warner WR, figlio di Kurt Warner, Hall of Famer della NFL.
Una curiosità: il kicker Donald De La Haye è una webstar con un canale YouTube, @Deestroying, con oltre 5,8 milioni di iscritti.

Il kicker / youtuber Donald De La Haye

I Brahmas non sembrano in grado di correre per i playoff, ma la grande esperienza di coach Phillips potrebbe sorprendere noi e le altre contendenti.

St. Louis Battlehawks

Stadio: The Dome at America’s Center

Coach Anthony Becht torna per la sua seconda stagione ad allenare i Battlehawks dopo averli guidati ad un record di 7-3 lo scorso anno. È alla sua prima esperienza come capo allenatore dopo un’ottima carriera da tight end in NFL.

Il QB titolare sarà AJ McCarron che ha vinto due titoli nazionali universitari con Alabama, scelto dai Bengals non è riuscito mai ad imporsi del tutto e ha girato diverse squadre in nove stagioni di NFL. Lo scorso anno ai Battlehawks ha lanciato per 2.150 yard e 24 TD pass. Ha come backup Brandon Silvers, titolare nei Roughnecks lo scorso anno, con statistiche discrete: 1.551 yard lanciate e 13 passaggi da touchdown.

Il QB AJ McCarron ai Bengals

Il maggior talento per St. Louis è concentrato in attacco con la coppia di WR titolari: Hakeem Butler, quarta scelta nel 2019 degli Arizona Cardinals, e Jahcour Pearson, miglior ricevitore della XFL del 2023. Ottimo giocatore anche il running back Wayne Gallman, veterano di sei stagioni in NFL.

Jahcour Pearson il miglior ricevitore dello scorso campionato in maglia Seattle

Con una difesa completamente da registrare, non ci pare una squadra da playoff, ma certamente divertirà il suo pubblico con un attacco spumeggiante.

La UFL avrà una copertura televisiva completa e sarà trasmessa da Fox, Fox Sports 1, ABC e ESPN.

L’eccitazione sta crescendo nelle otto sedi delle franchigie UFL, ed in generale tra gli appassionati in astinenza da football giocato, il che fa ben presagire sul futuro della nuova “Lega di primavera”.

La United Football League (UFL) ha riunito l’eredità della XFL e della USFL per creare una nuova e emozionante lega professionistica di football primaverile. Un esperimento che potrebbe benissimo diventare una parte integrante del panorama sportivo americano nel corso degli anni a venire.
Resta solo da vedere quali squadre si distingueranno e chi si prenderà il titolo di Campione UFL in questa prima edizione. Una cosa è certa: la UFL promette di offrire un’esperienza unica e emozionante per tutti gli appassionati in attesa dell’apertura della stagione classica del football.

 

Related Posts