LA PASKEDINA 2023 #2: O tutto o niente

by Simone Paschetto
754 views
Reading Time: 5 minutes

Dal disimpegno e apparente disinteresse per le cose del football a Podcast, Telecronaca e Paskedina in una settimana.
Aaaaaahhhh i pronostici!!
Siamo già a giovedì ser.. venerdì mattina, Bat reclama (ti devo una fornitura vitalizia di Filuferru), ma la rubrica non si scrive da sola, un momento, ci sarebbe l’opzione l’Intelligenza Artificiale.
Chat IGP o comecacchiosichiama.
Ma come faccio a spiegarle il football italiano?

“..Si tratta di articolo per un Blog di Football Americano, ma italiano. Una rubrica di pronostici sul campionato principale, che però è non professionistico, deve essere ironica, ma occhio che sono permalosi…”
Per altro, ho già provato a sottoporle delle questioni e abbiamo finito litigando, quindi tocca farla alla vecchia maniera.

Paskedina che inizia male, ma in questo è in buona compagnia, con la metà delle squadre di IFL.
1 su 3 nella prima uscita stagionale, che unita al bonus pigrizia del KO Classic, ci porta a un 2 su 4 totale.
Fortunatamente sto diventando grande e non me la prendo più.
La sola gioia della vittoria dei Dolphins (proprio l’anno che smetto di tifarli) sui Frogs (nell’anno che inizio a tifarli) e due errori. Svista epocale sui Mastini, piallati da dei Rhinos interessantissimi e la piacevole sorpresa dei Ducks, guidati da un Albericci molto, molto promettente. Sono curioso di vedere la reazione del Team Geneticamente Modificato targato ER-SSW-BOMO. Hanno funzionato al contrario: benissimo subito e in confusione in seguito.
Sono disorientato, e magari loro, ma è evidente che il potenziale ci sia. Saranno la mina vagante del campionato.
Alla partenza stentata si unisce la sfida all’ultimo pronostico: “Bernardone, tu m’hai provocato e io te distruggo, me te magno!”
Però intanto Simo è a 2 su 3, ha solo sbagliato un pronostico, indovinate quale?
Seguiranno aggiornamenti.

Ci vuole un sottofondo musicale adeguato, data la fretta, non ho tempo per elaborare una strategia, provo con YT, che mi conosce e mi propone nell’ordine: Mix di Canti Gregoriani, One Hour of Melancholic Sovietwave e Mozart.
Mozart?
Ma io non ho mai ascoltato Mozart!
Va be’, in tema di sfide…

Pronostici:

(Giuro, per sapere quali sono le partite in programma, apro il sito Fidaf…ora.)

GUELFI-STAINLESS STEEL WARRIORS EMILIA COIMBRA DE LA CORONILLA Y AZEVEDO


In un mondo ideale, questa partita potrebbe essere una delle più interessanti e combattute del campionato. In un mondo ideale però le fusioni di due team storici, non dovrebbero esistere e quindi un mondo ideale non comprenderebbe gli Stainless Steel Warriors Arantes do Nascimento.

Conscio di non vivere nel “migliore dei mondi possibili” (Spiace Herr Leibniz, ma è dal 1991 che va così) tocca commentare e, ancora peggio, pronosticare.

Il che è un gran bel problema, perché, mettendole in fila abbiamo diverse incognite e variabili: Guelfi teoricamente superiori, ma: 1) Non ho capito se Briles ci sarà, non ci sarà, se arriverà, se è in contatto via Fax, Mail, Zoom, Hudl 2) Non ho capito se Fimiani ci sarà, non ci sarà e se mai rientrerà 3) I cuginetti Antonio e Bastiano sono partiti male, ma non malissimo e hanno tutti i numeri per essere competitivi coi Guelfi, almeno sui 4/4, e poi andare 0-2 sarebbe un bel problema. A questo si potrebbero aggiungere altri dettagli, l’infortunio a Ryan Lonzar e l’ottimo QB emiliano Green che bell e bbuon’ si è presentato con quasi 300 yds di lancio, ma anche 3 intercetti. A Coach Giuliano piace molto lanciare, quindi sono numeri a cui dovremo abituarci.

Non essendo più previsto il pareggio (lo vede, Herr Leibniz?) ci sono quindi tutti gli elementi per mettermi in difficoltà nel pronosticare. Sicuramente Simo Bernardoni punterà sul suo team quindi o tento il recupero o gioco in difesa cercando di mantenere almeno le distanze.

Pur essendo stato un difensore, in un’altra vita lontana, non sono tipo da giocare di rimessa, purtroppo non riesco a rinunciare alle sfide, pronostico Guelfi, anche con un’ipotetica parità di roster hanno l’evidente vantaggio di avere un sistema rodato.

RHINOS-PANTHERS


Molto bella la sfida del Vigorelli. Raramente i due team si sono affrontati ad armi pari nella storia e questo più per merito di Parma che di Milano. Non credo che quest’anno faccia eccezione, la differenza, almeno sulla carta dovrebbe esserci tutta. I Però, ovviamente trattandosi di Paskedina, abbondano.

Parma è abbastanza un’incognita. Lo scorso anno avevano un roster stellare, e han fatto discretamente male.
Quest’anno cedono qualcosa (su tutti Proulx andato, tanto per ribadire il concetto, in ELF) cedono qualcosa a livello di Coaching Staff (Su tutti Mattioli, andato, tanto per ribadire il concetto, in ELF) facendo esordire Micchitti nel ruolo di HC. Di Micchitti sento dire un gran bene da un decennio, come giocatore prima e come coach poi, ma non ho mai visto nulla all’altezza delle parole. Felice di essere smentito, perché al contrario di quello che tanti pensano, le opinioni le si hanno per ragionamento, non per sentimento, almeno io funziono così e sempre pronto a riconoscere gli eventuali errori.

E, parlando di Rhinos, un errore l’ho fatto la scorsa settimana. Avevo dato i Rhinos sconfitti a Veron… Bolzano, più per sovrastima dei Mastini che per sottostima dei Milanesi. Rhinos che, dopo due anni di magra, potrebbero aver dato il tempo a un team giovane di crescere fisicamente e tecnicamente, mentre Gis con il suo approccio da mentalista potrebbe aver fatto il resto, insieme a una discreta capacità di scegliere gli import da parte della dirigenza milanese.
Sarà sufficiente per riportare i Rhinos ai playoff e magari oltre? Possibile, ma ci va del tempo per capirlo, una partita è poco significativa, in particolare se contro quei Mastini.

Per quanto possa pesare, in positivo, l’iniezione di fiducia dei Rhinos per la vittoria della scorsa settimana, questa ha sicuramente messo in allerta Parma che quindi non potrà concedersi distrazioni da esordio.

Non avendo ancora visto all’opera i Panthers e i loro import vado un po’ alla cieca a con il manuale, favoriti i parmensi.

MASTINI-SKORPIONS

Ultimo appuntamento della giornata, oggettivamente il pronostico più complicato di tutti. Entrambi i team hanno bucato malissimo l’esordio, ma male, male, male. Per gli Skorpions le attenuanti dell’esordio assoluto in IFL (rientrati dopo 33 anni…) e per di più contro i campioni in carica. Per i Mastini invece le aggravanti di un avversario d’entrata non necessariamente superiore e di non avere neanche un vero e proprio fattore campo su cui poter contare, alla distanza da casa si aggiunge la freddezza di un pubblico, quello bolzanino, praticamente inesistente. 

Mi dicono tra l’altro che non è previsto nemmeno un servizio bar… lo Stadio Europa sta diventando una sorta di Castelgiorgio del XXI secolo, una cattedrale nel deserto, ma senza il conforto della balla romantica di essere il luogo di origine di Vince Lombardi, al massimo di Argeo Tisma.

Difficile, al momento, comparare i due roster ed assegnare loro un peso specifico, forse Varese in questo ha più amalgama e guardando al coaching staff, questa volta vedo nella tigna di Holt un fattore di vantaggio.

Non dico che sarà un passeggiata, anzi, sono sempre convinto che i Mastini siano un bel team, ma credo più nella progettualità degli Skorpions, di misura.

Pronostici sigillati e ora, come diceva Roberto Cecchi: “Buon Football”

 

 

Related Posts