II Divisione – Week 4

by Piero Cabianca
424 views
Reading Time: 5 minutes

Intanto che in 1° divisione Firenze continua la sua marcia sui malcapitati Stainless Steel Warriors, gli Skorpions hanno la loro prima affermazione e rivincita coi Mastini, ed i Rhinos fanno il colpo con Parma, dimostrando le loro velleità per i biglietti di Toledo,  ma perdendo anche il QB, sfuma la quarta settimana in 2° Divisione, che ha visto un weekend molto interessante con alcuni scontri attesi per continuare a farsi l’idea della situazione 2023.
La Classifica recita:

GIRONE A

  • 1° Giaguari Torino W 2 L 0
  • 2° Pirates Savona W 2 L 1
  • 3° Predatori GdT W 1 L 1
  • 4° Reapers Torino W 0 L 3

GIRONE B

  • 1° Lions Bergamo W 3 L 0
  • 2° Saints Padova W 2 L 1
  • 3° Redskins Verona W 1 L 2
  • 4° Daemons Cernusco W 0 L 3

GIRONE C

  • 1° Trappers Cecina W 1 L 0
  • 1° Aquile Ferrara W 1 L 0
  • 3° Roosters Romagna W 1 L 1
  • 4° Hogs Reggio Emilia W 1 L 2
  • 5° Grizzlies Roma W 0 L 1

I Lions anche questa settimana hanno faticato contro i Daemons e un passo alla volta stanno arrancando nel percorso che comunque li dovrebbe portare verso la finale del Silver Bowl.
I Daemons, sempre compagine da tenere sott’occhio, che però finora non ha certo brillato, ha combattuto strenuamente, e anche tenuto sotto i Lions.
In compenso nello stesso girone Redskins e Saints si affrontavano per la prima volta in questo campionato;  arrivavano a questo appuntamento entrambe con lo stesso record, maturato proprio con le stesse squadre. I Redskins un po’ più indietro avendo un attacco che non aveva girato ma che invece questa domenica proprio al Plebiscito ha tirato fuori un asso dalla manica o, un coniglio dal cappello, come direbbe il mio compagno di cronaca Andrea Furlan: un giovane QB che finora non si era visto in Seconda Divisione. Joel Cano Ruiz. Giocatore che ha fatto vedere i sorci verdi per tutta la partita alla difesa dei Saints; grazie alle sue azioni, alla sua velocità, alla sua spensieratezza nel giocare ed ai blocchi ben congeniati di una linea che è riuscita ad ingabbiare molto spesso gli avversari; ma alla fine la gioventù gli ha fatto commettere troppi errori, i Saints, cinici, hanno capitalizzato, e sullo scadere, strappato la palla del sorpasso proprio al QB, vincendo di un punto.

I Redskins in attacco (Ph.: MAFP)

A Scandiano gli Hogs ospitavano i redivivi Grizzlies, partita che vedeva arrivare i Reggiani dopo due sconfitte ed i Grizzlies ancora al palo. Grazie anche alcune giocate fortunose e ai diversi errori degli avversari i Porcelli l’hanno spuntata, e finalmente escono dal tunnel. Le due squadre hanno ampi margini di miglioramento e gli Hogs sicuramente hanno fatto meglio delle altre volte: i 2 TD pass di Daino speriamo ne siano testimonianza.

Daino il QB degli Hogs (Ph. N. Wing)

Infine al CUS a Grugliasco, si giocava la partita dei Reapers contro i Pirates.  (Tristi) Mietitori, ancora a 0, compresi i touchdowns segnati dall’attacco, mentre i Pirati venivano dalla sconfitta contro i Giaguari. Reapers che cominciavano bene, con Fontana in regia, ma che poi hanno rotto il ritmo con errori che i Pirates hanno saputo sfruttare sia in attacco che in difesa, anche grazie al solito Leidi, ed ai palloni da lui recuperati. Comunque i Torinesi sono riusciti finalmente a mettere il loro primo touchdown in attacco. Meglio tardi che mai.

Reapers vs Pirates (ph: P. Sacchi)

E cosa abbiamo capito dopo questo fine settimana?
Niente!
No, non è vero! Quello che abbiamo capito è che probabilmente i Giaguari sono la forza più importante nei campi della lega cadetta del 2023, nonostante i Lions siano già a 3 vittorie su 3.
Vero è che finora i Giaguari non hanno avuto reali contendenti e, si sa, che, finché non c’è competizione non si può parlare di agonismo.
Di positivo c’è che entrambe queste squadre hanno molti giovani con un futuro promettente.
Ed è grazie al lavoro fatto con le giovanili, fondamentali.
Per ora, comunque, le squadre impegnate non stanno entusiasmando sul piano del gioco. Le difese vanno sugli scudi più degli attacchi, che hanno imprecisione sia sui passaggi, calci e trasformazioni.

I Giaguari Torino (ph. M. Audoglio)


Infatti molti preferiscono giocare i Quarti Downs, o trasformare da 2, a parte l’improvvida tendenza, anche in america, di andare per 2 punti quando si è sotto di uno.
Certo alcune squadre sono giovani, sia di età che di amalgama, viste le varie fusioni e gli spostamenti di giocatori, ma anche se è l’unica “altra” serie a 11 giocatori, dalla seconda ci si aspetta un po’ di più, anche per la piacevolezza del campionato.
Non vogliamo paragonare la seconda divisione all’A2 di un tempo, dove parecchie corazzate militavano stabilmente, anche con 2 americani a roster, solo per non sostenere le spese della serie maggiore.
Ma vediamo che poi quando le franchigie fanno il salto in prima divisione, le squadre che salgono spesso pagano pesantemente.
Pensiamo a Mastini e Vipers l’anno scorso, di cui gli ultimi quest’anno addirittura sospesi, in un’unione che, per ora, non ha avuto molta fortuna… vedremo gli Skorpions.
Per tutti c’è bisogno di qualità per poter crescere, sia tra le proprie fila che negli avversari.
Quest’anno il Campionato con 8 giornate ciascuno, spalmate in tre lunghi mesi, finalmente da la possibilità a giocatori ed appassionati di vedere molte partite.
Purtroppo dopo 3 gare già alcune panchine cominciano ad accorciarsi, e anche questo è un campanello d’allarme.

I Pirates (ph.: M. Audoglio)


La settimana prossima i Reapers aspettano i Predatori, le Aquile i Roosters, Trappers i Grizzlies ed ai Pirates toccano già i Giaguari un’altra volta. Partite che chiamano in causa diverse delle squadra da tenere sotto osservazione e da cui ci aspettiamo possano diventare dei buoni contendenti per i prossimi play off.

Related Posts