II Divisione – Week 7 e 8

by Piero Cabianca
425 views
Reading Time: 5 minutes

La week 7 era passata via in maniera tranquilla.
A Torino il Derby, sicuramente sentito per il campanile dai partecipanti, di meno interesse per gli altri avendo i due team un grande divario già in sede di pronostico, si è concluso 27 a 0 per i Giaguari sui Reapers.
Possiamo dire che non è andata neanche male, tutto sommato, ai mietitori.
In uno Stadio Nebbiolo, più che altro polveroso, con un’illuminazione infelice, i numeri dei Reapers erano veramente poco leggibili, belli chiari invece i giallo su nero dei Giaguari.
I Reapers comunque hanno lottato contro l’evidente superiorità dei cugini che non hanno affondano gli artigli fino in fondo, e hanno portato a casa una partita sulla carta più facile di quello che han espresso in campo.

Giaguari vs Reapers (Ph. M. Audoglio)

I Giaguari così continuano il testa a testa con i Pirates, per ora in vantaggio sullo scontro diretto in Week 5, che non hanno perso il colpo con i Dockers.
Questa settimana hanno riposato entrambe.
Vedremo nella settimana di interdivisionale, che per ora sembra più vantaggiosa per i Giaguari, il reale peso rispetto al resto d’Italia: le sorprese però potrebbero essere dietro l’angolo.
Hanno riposato anche Dockers e Pirates che a Chiavari avevano dato vita ad un piacevole Derby della Caravella, dove nessuno si era tirato indietro ma con i Pirates saldamente in vantaggio per tutta la partita, 24 a 0 fino al 3°, c’era stato poi un bel tentativo di rimonta dei Dockers ma i 13 punti fatti non sono stati sufficienti.

Pirates vs Dockers (Ph: Marco Click Ferrando)

I Dockers così scendono in classifica mentre i Pirates tengono meritatamente il passo restando in testa.
Al banco di prova si aspettavano le Aquile sulla rivelazione del campionato di Seconda Divisione, i Trappers. Sul bel Hunt Field di Cecina, con un sonante 42 a 20 l’hanno spuntata le Aquile. Certo, partire con 2 pick 6 su intercetto nei primi 2 drive per i Trappers era stato proprio darsi la zappa, anzi le zappe, sui piedi.

L’attacco delle Aquile contro i Trappers

Eppure la reazione c’era stata; ottimo il ritorno in Td di risposta dei Toscani, che come già visto fare più volte anche ai Reapers, provano a mescolare le carte con gli incroci dei ritornatori ed ottengono buoni risultati sul KOR.
A Cecina, Ferrara era andata a segno più di corsa che su passaggio, 3 td x Khalafalla pareggiando intanto a 7 Ghio dei Giaguari nel primato in D2 e uno solo per Scaglia su Bindini, che resta comunque leader di settore. Cecina, nervosa, non era riuscita a fare il suo gioco con tranquillità e questo l’ha penalizzata oltremodo.
Partita scontata al Mike Wyatt Field.
Le Aquile, finora imbattute, contro i Grizzlies ultimi della classe; questa settimana 42 a 0.
Altri quaranta punti permettono a Ferrara di essere i più prolifici del campionato con la media punti segnata di gran lunga più alta di tutti, e il numero maggiore di TD segnati.
In attacco i migliori del campionato sicuramente. Scaglia che con altri 4 TD raggiunge i 20 e lascia indietro tutti i suoi concorrenti. MVP del campionato?
Romani, sempre al limite della sopravvivenza, ma molto tosti finora visti i numeri di cui dispongono.
Grizzlies che, ricordiamo, erano usciti sconfitti anche dallo scontro con i Roosters, 13 a 18.
Galletti che la settimana scorsa hanno portato a casa a fatica, contro il manipolo trincerato dei Romani, una partita che sembrava più facile ed invece i plantigradi gli hanno dato moooolto filo da torcere. Non bene per i romagnoli che in Difesa sono messi proprio male, tengono solo su sack ed intercetti.
A Cecina i Trappers hanno ospitato gli Hogs e non potevano lasciarsi sfuggire l’occasione, essendo molto più forti di Reggio Emilia. Infatti non hanno avuto problemi ed hanno vinto 42 a 7.
Hogs, che dovevano comunque provarci, in fondo anche a loro mancavano altre 4 partite ed arrivavano con un 1-3 in comune con le altre pretendenti alla corsa play off. Ora l’1-4 si fa pesante.

Hogs vs Trappers (ph.: Nando Wing)

Nel girone B i Lions sono involati verso i play off unici imbattuti.
I Redskins invece dovevano assolutamente agguantare un risultato positivo per non restare ultimi in classifica.
Certo, in attacco dovevano risolvere alcuni nodi, ma fino al quarto quarto non si sono avute segnature da parte dei Pellerossa, che invece han subito da Carminati ed i suoi 3 TD già nel primo tempo.
Perciò finquì anche la Week 8 senza scossoni.
Ed ecco che di nuovo Daemons Cernusco e Saints Padova è diventata la partita più interessante del WE.
Cernusco doveva ribaltare assolutamente il risultato dell’andata per risalire la china quell’1–3 che gli andava molto stretto, viste le ambizioni dei Daemons, che sembravano già naufragate all’inizio del campionato, ma 8 incontri sono molti e, in fondo , ce ne sono ancora diversi da vincere. I Saints dal canto loro dovevano difendere il 2-2 proprio per non lasciar rimontare gli avversari di girone. Invece il trend in crescita di Cernusco, già evidente nelle scorse settimane si è concretizzato con un 14 a 3 che concretizza le speranze dei Daemons. Saints, invece, che in attacco stentano ed ottengono un risultato che mette a rischio il prosieguo.

Daemons (Ph.: Christian Undici)


Purtroppo la partita non è stata trasmessa in streaming.
Qui possiamo però toccare un altro tema. Il Game Day.
L’ aggiornamento del Game Day, l’app per vedere i risultati di tutte le partite in tempo reale, troppo spesso è sottovalutato come strumento di comunicazione.
Se fosse fatto in maniera più completa e leggibile, visto che nonostante le linee guida della Federazione, quasi sempre è aggiornato alla bene meglio, da appassionati che stanno facendo tutt’altro; invece, ove ce ne fosse la possibilità, dedicare qualcuno che se ne occupi seriamente è di grande utilità per chi voglia seguire l’andamento degli incontri.
Per chi invece riprende invece, vanno considerati alcuni accorgimenti.
Spesso le posizioni dedicate a chi fa video e telecronaca sono infelici.
Le squadre dovrebbero dedicare energie a risolvere questo problema.
Riprese basse, coperte da teste, gazebi ed altro ridanno un prodotto scarso.
Larghe fasce di panchina o campo nella parte bassa dell’inquadratura, la partita solo nella metà superiore, non tutto il campo inquadrato.
A questo punto consiglio di lasciare sempre il risultato, aggiornato, in sovrimpressione a copertura di tutto c’ho che distrae e disturba.

Related Posts