Una lunga stagione flag

by Piero Cabianca
317 views
Reading Time: 5 minutes

L’Estate da noi, dopo la conclusione dei campionati tacle maggiori, e prima dell’inizio delle giovanili, ormai da qualche anno significa FLAG FOOTBALL.
Da Luglio a Settembre tutte le squadre iscritte ai campionati, giocano almeno 3 bowl per ogni girone, prima del grande raduno toscano, oltre a quelli extra, organizzati dalle varie società in autonomia, come il classico Beach Flag di Ravenna.
Infine, a Settembre, l’APPUNTAMENTO è a Grosseto, nella grande tenuta della Principina, dove tutte le squadre senior di 2° divisione, si ritrovano per designare le finaliste e quelle di prima si giocano la wild card: Refoli Trieste, Thunders Trento, Ronin Ortona, Giaguari Torino, Aquile Ferrara e X-Men Correggio hanno cercato quest’anno i quattro posti disponibili per le Final Six di Trento, dove ad attenderli c’erano i leader del ranking nazionale, cioè gli Arona 65ers e i Raiders Roma.

I Raiders Roma ai primi posti del ranking nazionale

Queste 45 squadre danno vita così alla più grossa manifestazione in Italia di questo genere.
Se l’ambiente dove giocare il Mega Bowl di fine stagione del Flag Football italiano conta, sicuramente a Grosseto c’è un luogo praticamente idilliaco. La Fattoria La Principina, che consta di diversi ettari di campagna storicamente adibita a coltivazione ed allevamento e suddivisa tra sede principale, un grande hotel, e parecchi edifici, detti Casali, ha ospitato forse 500 tra atleti, dirigenti ed accompagnatori.
Due giorni intensi in cui sfidarsi nei vari campi allestiti tra quelli a disposizione della fattoria.
Dal venerdì i primi emissari delle varie squadre cominciano ad arrivare; prima ci sono le riunioni sul regolamento, sull’arbitraggio, i buoni pasto, assegnazione degli orari, i campi, gli avversari… una bolgia!
Poi, per chi ha la bontà di restare ad osservare, tutta la notte continua un flusso ininterrotto di macchine nel buio pesto coi loro fari che illuminano le lunghe ed alberate vie d’accesso della campagna toscana.
Compagni, amici, avversari, vecchie e nuove conoscenze.
Si scambiano un saluto, un benvenuto, si offrono da bere o mangiare… e questo succede dovunque in giro per la tenuta, a decine ogni ora.

Una partita disputata a Grosseto presso la Fattoria La Principina

I compagni, più o meno svegli, ad aspettare chi arriva tardi; per chi gioca alle otto del mattino, poi, non è una passeggiata; dovrà anche riuscire a raggiungere la sede centrale, posta a diverse centinaia di metri da alcune location, per fare colazione in tempo.
Così dal mattino dopo fino alla sera a giocare, guardare, arbitrare, scambiare e divertirsi.
Le quasi 50 squadre si incontrano in un tripudio di colori e grida.
Ragazzi e ragazze, uomini e donne.
Un sacco di atleti, e che atleti, il flag lo fanno in tanti… compreso titolari di IFL e non solo.
Giocatori che puoi incontrare in questo modo solo lì, così come ex storici, ormai dirigenti ed accompagnatori.
Sempre lì, pochi giorni prima, si sono disputati i Campionati Europei di Flag Football Juniores IFAF 2023, 17 squadre di ragazze, 11 di ragazzi U17 e 10 di U15 miste; più di 400 giovani da 12 nazioni diverse: Francia, Germania, Repubblica Ceca, Serbia, Slovacchia, Ucraina, Israele, Austria, Gran Bretagna, Finlandia, Olanda e Italia.
Gli Italiani erano detentori del titolo nelle categorie U17 sia femminile che maschile, conquistato nel 2021 sempre alla Principina.
Quest’anno titolo europeo alla nostra U15 “mista”, argento alla nostra U17 femminile e bronzo per quella maschile, tre podi.  
Campioni d’Europa per l’ U17 femminile è stata la Gran Bretagna ed Israele per quella maschile.

L’Under 15 “mista” Campione d’Europa

Prima, ad Agosto,  dal 18 al 20, a Limerick, in Irlanda invece, si erano svolti i Campionati Europei senior di Flag, senza però le star della competizione maschile dell’Italia dei World Games arrivata seconda in Alabama l’anno scorso.

Alcuni infatti sono passati ai Semi–Pro della Elf e sono perciò vincolati alla propria squadra.
Coach Giorgio Gerbaldi ha così completamente cambiato e ringiovanito la Nazionale ed ha portato con se molti giovani promettenti; 12 atleti per la femminile e altrettanti per quella maschile con i quali iniziare il nuovo percorso verso i World Games 2025 ed le Olimpiadi del 2028 a Los Angeles.
I risultati sono stati il sesto posto per la squadra femminile, che, con 6 vittorie e 3 sconfitte migliora il proprio ranking, e settimo posto per la squadra maschile che, come previsto, ha incontrato forti difficoltà contro le squadre più esperte.

Flavio Piccinni agli europei di Limerick, Irlanda

Nel 2023 il Campionato FLAG SENIOR di 1° DIVISIONE ha avuto 12 Team iscritti.
La 2° DIVISIONE 39 Team, il Campionato FLAG FEMMINILE 16 Team iscritti.
Per quanto riguarda le Giovanili FLAG JUNIOR, l’U13 24 Team, l’U15 22 come anche il Campionato U17.
Dei bei numeri, che sembrano destinati comunque a crescere.
Oltre a prima divisione e seconda divisione… forse ne servirà una terza in futuro, vista la differenza di rendimento tra alcune squadre neofite ed alcune di 2° più strutturate: chissà…
A Ottobre 2023 le Finali Nazionali di Flag Football a Trento hanno visto contrapporsi in Prima Divisione: Giaguari Torino, Aquile Ferrara, Thunders Trento, Muli Trieste, Arona 65ers e Raiders Roma.
In Seconda Achei Crotone, Lions Bergamo, Maddogs Milano, Elephants Catania, Minotauri Torino, Dolphins Ancona, Lame Quarto Oggiaro.
Campioni d’Italia in Prima Divisione si sono laureati i Refoli Trieste, che hanno spodestanto i pluricampioni degli Arona 65ers, battendo in finale i Raiders Roma di un… soffio, 26 a 25.
Mentre i Lions Bergamo si sono aggiudicati anche la seconda divisione Flag aggiungedo la vittoria a quella in seconda del Tackle.

Infatti nel frattempo il CIO ha confermato che il Flag Football sarà incluso nel programma olimpico di Los Angeles 2028, come disciplina a latere con la motivazione: “sport che ha una barriera d’ingresso molto bassa rispetto al tackle football ed un fattore di rischio inferiore, e rappresenta un’opportunità per costruire squadre, divertirsi e competere con gli altri”.
In america intanto l’American Flag Football League (AFFL) che giocava Flag Football 7-7 maschile semipro dal 2017 e che ha cancellato il torneo del 2022/23 con l’obiettivo di passare ad un campionato professionistico regolare, ha annunciato l’inizio della nuova Lega Pro.
Per capirci sono quei giocatori che ci hanno battuto in finale ai World Games 2022.
La stagione partirà il 27 aprile 2024 e la finale che avrà luogo sabato 22 giugno 2024.
Con la formula dei Bowl giocheranno negli stadi di Dallas, Nashville, Boston, Las Vegas!
Ciò fornirà al mondo del flag football la sua prima vera organizzazione professionale.
“Lo sport professionistico ha bisogno di questo; i giocatori di flag football lo meritano”, ha affermato Christopher Harris, vicepresidente dell’AFFL.
Perciò oggi, per chi pratica il Flag Football anche in Italia, si prospettano avventure di alto rilievo; World Games, Olimpiadi e anche, in prospettiva, il professionismo, visti i risultati ottenuti negli anni; cosa che non è da poco e che forse è anche di rilievo maggiore del notro affezzionato Tackle Football.

Un match dell’American Flag Football League (AFFL)

Related Posts