Super Bowl Story

by Giorgio Bianchini
758 views
Reading Time: 11 minutes

Il football americano è uno degli sport più duri del mondo, giocato da uomini grandi e grossi in calzamaglia, i quali si azzuffano per vincere un anello.
Domenica prossima il tanto atteso epilogo di questa stagione sta per alzare il sipario su Phoenix, dove i Kansas City Chiefs e i Philadelphia Eagles si daranno battaglia per aggiudicarsi il Lombardi Trophy.
Il football americano ai suoi atleti e discepoli chiede tanto, tutto forse, tempo, fatica, dedizione, preparazione atletica e mentale, è un signore che esige molto il football americano, ma quando inizia a premiare e a relegarti nei suoi almanacchi di gloria, ti fa sentire pienamente appagato, sapendo di eccellere non in uno sport qualunque, ma in un vero stile di vita.

Eagles vs Chiefs il Super Bowl 2022

L’era del Super Bowl, ha visto tanti uomini sul gridiron o sulla sideline, sputare sangue ed esaurire forze e polmoni, per cercare di colmare l’ultimo sforzo verso la leggenda e oggi andiamo a ripercorrere tre dei Super Bowl più belli all time.
Per chi vive e respira la NFL, più belli sa bene che spesso non vuol dire punteggi alti, ma partite dove un atleta suda e lotta tutta una vita per arrivarci e proprio in quelle 3 ore finali compie la chiamata perfetta o il gesto coraggioso che pochi riuscirebbero a portare a termine, sotto quella pesante pressione.
Preparate un buon bourbon o una buona grappa, mettete un buon sottofondo musicale, magari un Johnny Cash d’annata, e fatevi trasportare da queste date entrate di diritto nella storia del football.

Il nostro viaggio nei ricordi inizia riportandoci al 3 febbraio 2008, proprio nel University of Phoenix Stadium di Glendale, Arizona, dove Troy Aikman e Joe Buck, per la Fox, stavano per commentare il Super Bowl XLII che vedeva i New York Giants di Eli Manning contrapporsi ai New England Patriots del giovane GOAT Tom Brady.
Al termine del terzo quarto il risultato era molto basso, figlio di una partita a scacchi tra gli imbattuti Patriots di Bill Belichick e il futuro MVP Manning.
Prima di qualsiasi statistica, o ragionamento logico, bisogna ammettere che nessuno avrebbe mai pensato di scrivere un finale come questo.

Eli Manning con il Vince Lombardi Trophy

I New York Giants divennero campioni del Super Bowl 2008.
Non solo avevano appena vinto il Super Bowl, ma lo avevano fatto passando attraverso una delle più grandi squadre della storia.
Avevano sconfitto i Patriots del 18-0, guidata dal miglior quarterback della lega. I Giants riuscirono a tirare fuori un epico sconvolgimento dell’inerzia della stagione, e rimarrà sicuramente fonte di conversazione su una perdente del Super Bowl per l’eternità.
Per risolvere la partita, i Giants corsero per più di nove minuti fuori e hanno inventato un field goal. I Patriots hanno segnato un touchdown nel loro drive di apertura, e sembrava che sarebbe stata una partita high-scoring come la maggior parte degli analisti aveva previsto.
Il punteggio invece sarebbe rimasto lo stesso fino all’ultimo quarto di gara.
I Giants riuscirono a rompere finalmente la siccità con un drive di 80 yards che terminò con il primo passaggio da touchdown del Super Bowl di Manning.
Due drive dopo i Patriots risposero anche loro con un drive di 80 yards che terminò con un passaggio da touchdown di Tom Brady.
Dopo il touchdown dei Patriots, Eli Manning ebbe la spinta e la forza che definirà la sua carriera.
Con due minuti e tre timeout rimanenti, New York doveva macinare a 83 yards. Riuscirono a convertire un quarto e corto, continuando inesorabilmente a guadagnare yards e secondi preziosi di possesso palla.
Su un terzo e cinque, subito dopo lo snap, due o-line dei Patriots avevano già le mani su Eli Manning.
Proprio mentre i fan di New York temevano il peggio, Manning riuscì a liberarsi sparando un passaggio di venti yards per David Tyree, il quale in salto concluse l’azione.
Quattro giocate dopo, Manning, ben protetto nella sua tasca, riuscì a trovare Plaxico Burress, che trovò un varco nella end zone a 35 secondi dalla fine. Mentre Burress si inginocchiava con la palla della vittoria in mano, sia i fan dei Giants che gli haters dei Patriots si unirono in un forte urlo collettivo di gioia.

Plaxico Burress riceve il TD al Super Bowl

Il motivo principale per cui i Giants erano riusciti a vincere era stato il potente sforzo difensivo, mettendo Brady sotto sacks per ben cinque volte.
La stessa difesa di New York, che aveva ceduto 38 punti a New England in week 16, aveva relegato i Patriots a un minimo stagionale di 14 punti.
Un altro motivo per cui vinsero fu senz’altro l’incredibile prestazione di Eli Manning nell’ultimo quarto, sganciando due touchdown, nessun intercetto e completando nove passaggi su quattordici, nel solo ultimo quarto.
I Giants hanno tirato fuori il più grande risultato contro pronostico nella storia del Super Bowl, vincendo la loro 11esima partita consecutiva in trasferta. Eli Manning divenne l’MVP del Super Bowl un anno dopo che suo fratello riuscì nella stessa impresa (non ci sono molti altri fratelli che potrebbero fare meglio per rendere orgogliosi i loro genitori).

Miami, Orange Bowl stadium, quasi 80.000 spettatori stanno per godersi il Super Bowl XIII tra i Pittsburgh Steelers di Terry Bradshaw e Mike “iron” Webster e i campioni in carica dei Dallas Cowboys di Roger Staubach e Tony Dorsett.
Tuffiamoci in quei ricordi, grazie all’articolo del giorno dopo dell’autorevole Washington Post, ecco un veloce estratto.
Il quarterback di Pittsburgh Terry Bradshaw ha giocato la partita della sua vita oggi, lanciando quattro passaggi da touchdown e portando gli Steelers a una vittoria 35-31 su Dallas nel Super Bowl 13.

Terry Bradshaw il super QB degli Steelers

Mentre i campioni in carica dei Cowboys si sono rifiutati di morire tranquillamente, segnando due touchdown negli ultimi 2 minuti 21 secondi movimentando gli scommettitori. Gli Steelers sono diventati la prima squadra in assoluto a vincere tre Super Bowl e hanno potuto ringraziare le 318 yards e i quattro touchdown di Terry, entrambi record del Super Bowl. Ha vinto l’onore del giocatore più prezioso e la sua squadra ha riacquistato la supremazia della American Conference sulla National nella partita del titolo della National Football League.
Come al solito, gli uomini principali di Bradshaw erano i wide receiver John Stallworth e Lynn Swann, da sottolineare il pass interference su Benny Barnes – quella chiamata – sarà ampiamente dibattuta per molto tempo. Swann ha anche catturato il passaggio del touchdown vincente, una presa di 18 yards che ha spaccato la partita a metà del quarto periodo. In tutto, ha preso sette passaggi per 129 yard; Stallworth tre per 115 yard e due touchdown prima di perdere quasi tutto il secondo tempo con un crampo alla gamba.
Un passaggio chiave ha coinvolto un altro ricevitore di classe, il veterano tight end Jackie Smith. Il vecchio professionista era stato salvato dal pensionamento all’inizio della stagione dai Cowboys, e diventerà di nuovo un privato cittadino, con il ricordo di un passaggio da touchdown droppato, ben inciso nel suo cervello per sempre.

Il mitico “paisà” Franco Harris

Quel calo mortale è arrivato quando i Cowboys minacciavano il pareggio 21-21 alla fine del terzo quarto. Un terzo e tre dalle 10, dove per Smith si era spalancata la end zone.
Il quarterback Cowboys Roger Staubach ha sparato preciso e lo ha colpito dritto nelle mani mentre Smith scivolava in basso per catturare la palla. “Non ricordo molto, tranne che l’ho lasciato cadere”, ha detto un desolato Smith. “Ti senti come se avessi deluso molte persone. Sei così deluso di te stesso. Non puoi rifarlo, quindi non so cosa dirti. Mentre la palla stava arrivando, stavo cercando di scendere per prenderla contro il mio petto. Immagino di non essere stato nella posizione giusta”.
Invece del touchdown del pareggio, i Cowboys hanno dovuto accontentarsi del field goal di 27 yards di Rafael Septien che ha smorzato il vantaggio degli Steelers a 21-17 con 2:36 da giocare nel terzo periodo.
“Certo che è stato un punto di svolta”, ha detto l’allenatore dei Cowboys Tom Landry. “Se avessimo ottenuto quel touchdown, i nostri giocatori sarebbero saltati su e giù, rinvigoriti nel morale”.
La maggior parte dei Cowboys punta un dito accusatore contro il ref Fred Swearingen, che ha richiamato Barnes per aver interferito su Swann su un lungo passaggio sul lato destro del campo con il punteggio fermo sul 21-17 e i Cowboys che cercavano di riavere la palla.
I replay televisivi hanno indicato che l’ira dei Cowboy era giustificata. Swann sembrava urtare Barnes con un gomito prima che Barnes inciampasse sui piedi di Swann e Swann inciampasse su Barnes all’arrivo della palla. “È stata una chiamata di giudizio su un gioco di passaggio”, ha detto Swearingen a un giornalista, dopo la partita. “I due giocatori hanno urtato prima che la palla fosse vicino a loro, forse prima che la palla fosse lanciata. Stavano entrambi guardando indietro e il difensore è andato a terra. Il ricevitore di Pittsburgh (Swann) nel tentativo di ottenere la palla, è inciampato nei piedi del difensore. Ha interferito con il ricevitore che cercava di prendere la palla. Stava arrivando da lui in quella direzione, e ho lanciato la flag per l’interferenza del passaggio”.
Barnes non era d’accordo, con veemenza, cominciò a urlare sia dentro che fuori dal campo.
“Ero così impazzito”, ha detto. “Ho quasi maledetto (Swearingen) e mi sono avvicinato per colpirlo. Penso che sapesse che si sbagliava. Avevo il diritto di precedenza sul lancio. Lui (Swearingen) ha detto che ho fatto oscillare il piede lì. È stata una chiamata stupida.”
Landry ha detto: “Non credo che sia stata una buona chiamata, a causa del tipo di gioco che era. Era un vicolo cieco, dove entrambi i ragazzi stavano andando a prendere la palla, e hai parecchie collisioni su quelle giocate. Se si spingevano a vicenda, ci dovrebbe essere una chiamata. Se non lo facessero non ci dovrebbe. Non credo che ci sia stata una spinta”.
Ma per gli Steelers, c’è stato un grande guadagno, 33 yards, e un primo down vitale sulla linea Cowboy delle 23 yards.
Swann ha detto: “Le mie mani sono pulite. Certo che ha fatto la scelta giusta”.
I Cowboys stavano sbraitando per un altra flag pochi istanti dopo. Al terzo e quattro sulle 17 yards Cowboy, Bradshaw è andato sotto sack da Thomas Henderson per una perdita di -13 yards, ma i ref avevano fermato il gioco, per il ritardo sullo snap contro gli Steelers, una chiamata che ha spinto la palla indietro solo alle 22 yards invece che sulle 30, e ha dato a Pittsburgh un altro terzo down, anziché un tentativo di field-goal dalle 47 yards.
“Non ho sentito un fischio fino a quando non ho abbattuto Bradshaw”, ha detto un Henderson sommesso. “Sempre lo stesso ragazzo (Swearingen) ha fatto quella chiamata. Chi è quel tizio?”
I Cowboys sapevano bene chi era il tizio che aveva appena scambiato parole con Henderson – resta il fatto che Dallas non era ancora riuscita a fermare Franco Harris e in una classica trappola è finita con un 22 yards rush touchdown. Ciò ha creato un vantaggio di 27-17 per Pittsburgh a 7:10 dalla fine della partita.
I Cowboys hanno continuato a giocare, salendo sul tabellone di altre due mete, terminando prima un drive di 89 yards con un passaggio da sette yards di Staubach a Billy Joe Dupree con 2:23 rimanenti e subito dopo recuperando un punt laterale, producendo un lancio dalle quattro yards di Staubach per Butch Johnson con appena 22 secondi da giocare.
Ma Rocky Bleier ha messo fine a qualsiasi speranza di un finale miracoloso di Dallas quando ha recuperato l’onside kick di Septien. Bradshaw si è inginocchiato sul pallone due volte, negli ultimi secondi.

La cover di Sport Illustrated dedicata al Super Bowl vinto dagli Steelers

“Ho fatto tutto questo?” Bradshaw chiese innocentemente quando qualcuno gli ha mostrato il foglio della stats. In tutto, ha completato 17 passaggi su 30 per i 318 yards che hanno di fatto battuto il record di 250 yards stabilito da Bart Starr di Green Bay nel Super Bowl contro Kansas City.
Bradshaw aveva quel record già in cassaforte all’intervallo, quando aveva 11 completi per 253 yards, inclusi i passaggi da touchdown di 75 yards (legandosi ad un altro record del Super Bowl) e 28 yards a Stallworth. Il lancio di sette yards di Bradshaw a Bleier su un rollout a 26 secondi dalla fine ha fornito un vantaggio di 21-14 all’intervallo.
Bradshaw ha sopportato un momento molto imbarazzante, quando il linebacker Mike Hegman, con Henderson come complice, lo ha spogliato del pallone e ha corso 37 yards per un touchdown che è valso l’unico vantaggio dei Cowboys (14-7) della giornata.
Bradshaw ha subito una leggera distorsione alla spalla sinistra in quel gioco. Il quarterback sembrava stordito in disparte, ma è tornato e ha detto poco dopo: “Certamente non era qualcosa che mi avrebbe tenuto fuori dal gioco”.
Ha valutato anche la sua singolare prestazione, “Non ho mai lanciato la palla così bene. Mai mai.” E Swann subito dopo affermò che gli Steelers non avevano mai messo in campo una squadra di football come questa, anche nelle stagioni del 1974 e del 1975 con i successi del Super Bowl.
“È probabilmente la più grande stagione di soddisfazione che abbiamo mai avuto”, ha detto. “Riteniamo che la squadra ’78-79 sia la migliore squadra che ha giocato a Pittsburgh. Abbiamo giocato meglio in attacco, abbiamo avuto un quarterback che è diventato un grande leader e una difesa che è sempre stata qualcosa di speciale”.
Questo fu l’articolo del Washington post, il giorno seguente ad uno dei Super Bowl più belli ed intensi di sempre, che regalarono a Terry Bradshaw e Franco “army” Harris l’immortalità del football.

Tampa Bay, 27 gennaio 1991, sul gridiron dell’omonimo stadio, stanno per sfidarsi i New York Giants di Ottis Anderson e Lawrence Taylor, contro gli strepitosi Buffalo Bills dei fenomenali Thurman Thomas, Jim Kelly e Bruce Smith.
Gli ignari Bills stavano per iniziare la serie di 4 Super Bowl consecutivamente persi.
Dopo lo spettacolo dell’inno americano cantato divinamente da Whitney Houston (l’America era appena entrata nella guerra del golfo), l’attacco stellare dei Bills che aveva messo a segno 428 punti in stagione se la doveva vedere con la defense numero 1, quella che aveva permesso solo 114 punti ai propri avversari, la difesa di LT e i Giants.

Lawrence Taylor su Jim Kelly

Davanti a più di 73000 spettatori, New York vincerà di una sola lunghezza sui Bills, e rimarrà l’unico Super Bowl deciso per un solo punto.
I tifosi di Buffalo e tutti gli amanti del football ricorderanno bene quale sia stata la giocata chiave di quella finale.
A un secondo dalla fine, quando il punteggio era di già sul 20-19 finale per i Giants, il kicker dei Bills, Scott Norwood ebbe l’occasione, grazie ad un field goal dalle 47 yards, di portate il Lombardi per la prima volta a Buffalo.
L’errore che ne seguì e il calore che la città di Buffalo al ritorno dal Super Bowl perso, dimostrò nei confronti del suo K, fu qualcosa di eccezionale, tanto da meritare un documentario su una nota piattaforma che inizia con la D.

Scott Norwood fallisce il FG della vittoria

MVP del Super Bowl fu nominato uno straordinario Ottis Anderson, che corse 21 volte per 102 yards e 1 touchdown.
I Giants in quella partita stabilirono 2 record incredibili, il primo per il possesso palla, ben 40.33 minuti, il secondo per il drive più lungo di ben 9.29 minuti.
Per Buffalo si aprivano scenari immensi, con altre 3 apparizioni al Super Bowl grazie ad un Jim Kelly straordinario, anche se le pagine della storia della NFL ancora non vogliono ancora il nome dei Bills tra i vincitori, mentre per i Giants si trattava del primo Super Bowl vinto, con un Lawrence Taylor che appena finita la festa sul gridiron affermò di sentirsi svuotato, ora che aveva raggiunto l’apice della sua carriera, e che avrebbe faticato a trovare nuovi stimoli.

I Giant festeggiano la vittoria con la classica doccia di Gatorade all’head coach Bill Parcells

Dopo questa full immersion su tre grandi finali della Super Bowl era, non ci resta che incoronare, lunedì mattina, i nuovi campioni della NFL, atleti, uomini che hanno dato tutto loro stessi per arrivare a questo appuntamento con la storia.
Anni di sacrifici e dedizione, per giocare in calzamaglia, cercando di vincere un anello, che darà a loro l’immortalità nelle pagine del nostro amato football americano.

L’oggetto del desiderio: il Vince Lombardi Trophy

Related Posts